Club Alpino Italiano

You are here: Home » Club Alpino Italiano

 Club Alpino Italiano (Cai)

Attività, uscite, gite riservate ai soci CAI  in programma nel Calendario delle rispettive Sezioni CAI partecipanti al Festival.

 

 

1) C.A.I. Sezione Isola Gran Sasso Sottosezione di Pietracamela
c/o Casa Comunale Pietracamela 67047 (Te):
10 &12 Febbraio Festival della montagna a Ovindoli:due giorni di scialpinismo, sul Velino-Sirente. Difficoltà: MSA/BSA solo per esperti

Stemma_4

Sezione C.A.I. Pietracamela

Coordinatore e Responsabile:

Luca Mazzoleni 333/2324474
Sito: www.caipietramela.it
Email: info@caipietracamela.it

Le escursioni che sono proposte dal CAI Pietracamela in occasione del Festival della Montagna hanno carattere libero, gratuito e non competitivo con il fine di creare un contatto amichevole tra i tanti scialpinisti che si muovono sul territorio e di promuovere presso gli appassionati di altre regioni la conoscenza dell’Appennino Centrale e del Velino-Sirente in particolare. Si vuole così creare un’occasione d’incontro e socializzazione tra diverse realtà, per conoscersi e scambiarsi esperienze ed informazioni, trascorrendo sugli sci ed in amicizia qualche bella giornata di montagna.

Vi saranno escursioni da soci del CAI esperti , riservate esclusivamente ai Soci del CAI (per motivi assicurativi), scegliendo la meta in base alle condizioni nivo-meteo del momento e alle capacità fisiche e tecniche dei partecipanti.

Le escursioni saranno a partecipazione libera e gratuita, ogni partecipante dovrà valutare personalmente l’obbiettivo delle sue escursioni in base alle proprie condizioni fisiche, capacità tecniche, grado di esperienza e attrezzatura posseduta.
Gli organizzatori si riservano di escludere dalle escursioni coloro che ritengano non essere adeguatamente equipaggiati o esperti, al fine di non pregiudicare la sicurezza e l’incolumità di alcuno.

OGNI SINGOLO PARTECIPANTE SI ASSUME LA COMPLETA RESPONSABILITÀ PERSONALE PER IL PROPRIO STATO DI SALUTE E PER LE PROPRIE CAPACITÀ TECNICHE.

Il programma delle manifestazioni prevede escursioni scialpinistiche di varia difficoltà per scialpinisti esperti e completamente attrezzati.La meta delle gite sarà decisa in base alle condizioni nivo-meteo, la partecipazione è gratuita ma saranno accettati i partecipanti in base a giudizio degli accompagnatori.
La partecipazione è riservata ai soci del Club alpino italiano regolarmente iscritti.

I coordinatori si riservano il diritto di escludere soci o non soci che a loro giudizio non abbiano capacità, attrezzatura o forma fisica adeguate.

I coordinatori potranno apportare al presente regolamento ed al programma degli eventi eventuali modifiche, anche dell’ultima ora, se le riterrà necessarie per una migliore riuscita della manifestazione

MATERIALE OBBLIGATORIO:

attrezzatura da scialpinismo o telemark, pelli di foca, coltelli, piccozza, ramponi, ARVA, pala, sonda.

Con l’atto dell’iscrizione ogni partecipante solleva l’organizzazione da ogni responsabilità per danni a persone e cose, che potrebbero verificarsi prima, durante e dopo la manifestazione e comunque in relazione a essa. L’iscrizione comporta automaticamente la presa visione e l’accettazione del regolamento e il rispetto di tutte le norme in esso contenute.

2) CAI TAGLIACOZZO ‘SCUOLA ROSA DEI VENTI’

La Scuola Alpinismo ‘Rosa dei Venti’ allestirà all’arrivo dell’impianto Monte Freddo un’area di lavoro con le seguenti attività :
– area addestramento sull’autosoccorso in valanga
– Area costruzione di un bivacco su neve (truna/caverna)
– Area addestramento progressione su terreno misto (neve, ghiaccio, roccia).
Le giornate avranno valore di aggiornamento per l’organico istruttori della scuola nonché di sensibilizzazione sulle tematiche legate alla sicurezza in ambiente innevato per chi vorrà prenderne consapevolezza e conoscenza avvicinandosi alle aree lavoro.

Referente Fabrizio Pietrosanti 3882597724

STORIA del Club Alpino Italiano

Il Club Alpino Italiano ha una storia di oltre 140 anni: fondato il 23 ottobre 1863 a Torino è una libera associazione nazionale che ha per scopo l’alpinismo in ogni sua manifestazione, la conoscenza e lo studio delle montagne e la difesa del loro ambiente naturale”.

Il C.A.I. per statuto provvede a favore sia dei propri Soci sia di altri:

  • alla diffusione della frequentazione della montagna e all’organizzazione di iniziative alpinistiche, escursionistiche e speleologiche,
  • all’organizzazione ed alla gestione di corsi d’addestramento per le attività alpinistiche, sci-alpinistiche, escursionistiche, speleologiche, naturalistiche volti a promuovere una sicura frequentazione della montagna;
  • alla formazione di 23 diverse figure di titolati (istruttori, accompagnatori ed operatori), necessarie allo svolgimento delle attività citate;
  • al tracciamento, alla realizzazione e alla manutenzione di sentieri, opere alpine e attrezzature alpinistiche;
  • alla realizzazione, alla manutenzione ed alla gestione dei rifugi alpini e dei bivacchi d’alta quota di proprietà del Club Alpino Italiano;
  • all’organizzazione, tramite il Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico (CNSAS), struttura operativa del CAI, di idonee iniziative tecniche per lavigilanza e la prevenzione degli infortuni nell’esercizio delle attività alpinistiche, escursionistiche e speleologiche, per il soccorso degli infortunati o dei pericolanti e per il recupero dei caduti;
  • alla promozione di attività scientifiche e didattiche per la conoscenza di ogni aspetto dell’ambiente montano nonché di ogni iniziativa idonea allaprotezione ed alla valorizzazione dell’ambiente montano nazionale, anche attraverso l’operato di organi tecnici nazionali e territoriali.

L’entusiasmo del grande apporto volontaristico che lo contraddistingue nel panorama associazionistico italiano ha permesso di concretizzare nel tempo un ampio ventaglio di realizzazioni a favore della montagna e dei suoi frequentatori quali rifugi, bivacchi, sentieri, rimboschimenti, opere sociali.